i miei blog: coaching e formazione

Condizionale...condizionante


Apertura d’aula e raccolta di aspettative dai partecipanti. Una marea di vorrei mi inonda, mi sommerge. Annaspo. Credetemi amici miei.

E se depennassimo il condizionale dai nostri pensieri? Se evitassimo di pronunciarli questi verbi al condizionale? Cosa può accadere di noi?

Le nostre azioni saranno costruite su basi più solide? I nostri progetti abbandoneranno le esitazioni che fanno arretrare i nostri slanci? Io penso di sì. Senza il condizionale i nostri pensieri renderanno meno “dubitative” le nostre affermazioni e il nostro incedere nella vita.

Il condizionale ci protegge, ci risparmia, ci fa rimanere nel limbo della prudenza al di qua della frontiera del coraggio. Il condizionale economizza sulle responsabilità che abbiamo nei confronti di noi stessi.

Io vorrei” , “io desidererei che”, “mi piacerebbe”. Amici miei cari, coachee o partecipanti ai corsi di formazione, sappiate che il condizionale non ci aiuta ad intrecciare un giusto dialogo interiore. Il condizionale non ci permette di annunciare in maniera incisiva i nostri propositi al mondo o ciò che ci aspettiamo da un corso di formazione.

Quando ci confrontiamo con noi stessi o quando anche descriviamo un nostro intento/opinione/aspettativa al nostro capo, collega, familiare, amico o formatore, tendiamo a svicolare in un astratto vagheggiamento ancorandoci ai “desidererei”, assumiamoci invece le nostre responsabilità, affezioniamoci all’indicativo, impariamo a presentare intenti certi. Facciamo uscire senza la farcitura della prudenza o falsa cortesia i nostri voglio, mi piace, considero importante...

L’indicativo pronunciato con chiarezza e sincerità, anche solo a noi stessi, ci aiuta a meglio definire i cardini sui quali apriamo la porta alle nostre decisioni più sagge, alle decisioni che cancellano dalle nostre vite il retrogusto del rimpianto o del rimorso.

Siamo franchi allora, iniziamo a dirigerci verso la direzione corretta, affidiamoci ai:

Voglio,
Mi piace,
Considero importante,
Ritengo utile,
Penso,
Credo,
Mi interessa,
E' fondamentale per me.

Sono questi tratti a disegnare il profilo di chi aspiriamo ad essere, della persona che vogliamo diventare. Iniziamo a disegnarli con le parole che usiamo.

Commenti
comments powered by Disqus